castelloIl Castello sorge al centro del paese, nella parte più alta con la facciata rivolta verso il centro abitato. L'edificio è costruito sui resti di una fortificazione medievale della quale rimane la torre quadrata interna posta in posizione irregolare rispetto al resto del castello.

Visibile è lo stemma della famiglia Piccolomini, che lo ebbe in dono nel 1463 da re Ferdinando e lo conservò fino al 1579.

planimetriaLa planimetria segue il dislivello del terreno ed è di forma quasi trapezoidale con tre torri circolari poste agli angoli. La fortezza è a forma di L con il lato maggiore rivolto verso la piazza; questo lato fu il maggiormente difeso dai costruttori in quanto privo di naturali condizioni di sicurezza, e fu rafforzato da due bastioni circolari posti ai lati e da un fossato che correva lungo le mura.

Con il restauro del 1924 il fossato è stato ricoperto e sono state aperte alcune finestre con carattere quasi rinascimentale.

Il cortile interno ospita al centro un pozzo quattrocentesco in marmo che ricorda i pozzi aquilani del XV secolo fiancheggiato da due colonne con capitelli. Delle scalinate in pietra consentono l'accesso dal cortile ai piani superiori.

Salendo sulla torre di sinistra attraverso delle scale piuttosto scoscese è possibile scorgere la splendida vallata. Affacciarsi dalla torre merlata del castello consente di tornare con l’immaginazione a ciò che si sarebbe potuto vedere in epoca medievale e rinascimentale: una distesa di terre coltivabili, boschi, le tre sorgenti del fiume Tirino e un flusso periodico di oltre 30.000 pastori transumanti e circa 3 milioni di pecore.

Il castello, che non a caso fu dominato prima dai Piccolomini e poi dai Medici, assicurava il controllo e la difesa del territorio e vigilava su quello che oggi chiameremmo il grande “business” della lana e della transumanza.

12622480 10204209110866889 6330298232192001558 oOggi alcune stanze del Castello Piccolomini ospitano gli Uffici comunali e nell’atrio d’ingresso una riproduzione del Guerriero, fiero “padrone di casa”, accoglie gli ospiti. Alle sue spalle una chicca per nostalgici e appassionati del mondo militare: un piccolo museo militare dedicato alle due grandi guerre.

Basti, selle, casse da maniscalco, cucine da campo, portantine per i feriti, "sandali" per far camminare silenziosamente i muli, racchette da neve per non farli affondare. Ma anche oggetti particolarmente rari come una barella portaferiti che risale al primo conflitto mondiale, una vecchia sella appartenuta ai carabinieri completa di equipaggiamento da combattimento, e una cassa da maniscalco completa di attrezzi utilizzata dal battaglione Monte Berico.

Il museo militare, con ingresso gratuito, è gestito dall’Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Capestrano, Presidente Giorgio Di Toma (cell. 338/3815789).

(Foto del museo di Nicola Cipolla)



 

torre quadrata castello IMG 5901

pozzo


 Il Castello prima e dopo la ristrutturazione del 1924

castello ris

da "Terre Medicee d'Abruzzo"

 

 

Copyright

© Copyright 2014-2017 - Capestrano da scroprire.it tutti i diritti riservati. Scrivici.

Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network.